Cos'è un contratto di locazione, quali sono le differenze tra il contratto libero 4+4 ed il canone concordato

Vi sono diverse tipologie di contratti di locazione, volte a venire incontro alle diverse esigenze dei cittadini.

Una fondamentale distinzione può essere operata tra i contratti a canone libero e gli affitti concordati, grandi categorie che regolano il mondo delle locazioni immobiliari.

IL CANONE LIBERO - È una forma di contratto molto diffusa, nota anche con il nome di 4+4 dal momento che la durata standard è pari a quattro anni, rinnovabili al termine del periodo per altri quattro anni.

Ciò comporta che al termine del primo quadriennio in mancanza di una comunicazione scritta, proveniente dal locatore oppure dal locatario, avvenga un rinnovo tacito per altri quattro anni.

Ovviamente è sempre possibile un'interruzione anticipata del contratto di locazione, le cui condizioni sono disciplinate dal contratto inizialmente controfirmato.

IL CANONE CONCORDATO - La legislazione prevede alcune tipologie di contratto d'affitto create per venire incontro alle esigenze degli inquilini, favorendo al contempo anche i proprietari.

Solitamente in questo caso di parla di un contratto 3+2, ovvero di durata pari a tre anni rinnovabili, trascorsi i quali si può realizzare un ulteriore rinnovo per un biennio.

I contratti con il canone calmierato sono disciplinati a livello locale, pertanto è necessario informarsi presso il proprio Comune per sapere se si rientri tra i soggetti che possono beneficiare di tale tipologia di locazione.